Coronavirus vs calcio scommesse: le perdite

Il Coronavirus, o Covid-19, ha gettato il mondo nel panico. Partito in sordina, a metà dicembre, dalla Cina, in poco tempo questa epidemia ha saputo inglobare tutto il mondo, non facendo alcun tipo di distinzione e sapendosi adattare ad ogni clima, ad ogni condizione, ad ogni persona. Ed imperversa, senza lasciare niente dietro di sé se non panico, chiusure, quarantene e misure più o meno forti, in questo senso.

Si tratta della forza della natura che, per quanto dominata dall’uomo, è sempre destinata a prevalere e a manifestarsi in tutte le sue forme. Fatto sta che il virus ha inglobato dentro di sé la quotidianità di tutto il mondo.

Questo inglobare ha previsto una serie di cambi. Ne hanno fatto tutti le spese e, di conseguenza, anche il calcio si è trovato inconsapevole vittima della pandemia. Inevitabile conseguenza, c’è da aggiungere. Questo ha comportato una serie di conseguenze, fino a poco tempo fa inimmaginabili, culminate con il rinvio del prossimo Europeo, previsto in itinere, inizialmente, tra il prossimo giugno e il prossimo luglio e slittato al 2021.

Inevitabile altrettanto, seppur con un lieve ritardo, vuoi per colpa dell’UEFA, vuoi per colpa delle singole Leghe, il blocco degli altri campionati. L’Italia ha aperto la pista di questa inaspettata danza, un po’ perché il nostro è il Paese più colpito dal virus, un po’ perché altre soluzioni non si sono trovate. Le porte chiuse hanno infatti prodotto solo ritardi, rinvii e polemiche, immancabili nel nostro calcio.

Sta di fatto che i numeri dei contagiati salgono e nel nostro calcio cominciano a diventare notevoli. Cosa che ha portato le altre federazioni, nel frattempo anch’esse investite dal virus, a sospendere i rispettivi campionati: addio a Premier, Liga, Bundesliga e Ligue1, ovverosia il top del calcio europeo e mondiale.

In una sola parola si è fermato il calcio nel mondo, un’industria da quasi 40 miliardi di euro.

Questo ha comportato una serie di conseguenze, perché assieme al pallone hanno smesso di rotolare i mercati che vi girano intorno: quello delle televisioni, delle radio, dei giornali. Ma anche un altro mercato: quello degli sponsor e delle scommesse sportive, un mercato che ha già subito danni, almeno in Italia, dalla chiusura delle sale adibite appositamente, e che è destinato ancora a calare nei mesi a venire. Fino a fine emergenza.

Emergenza che, in Italia, si sta cercando di combattere: ad esempio gli operatori di scommesse, grazie al decreto Cura Italia, varato dal Governo per far fronte all’emergenza, potranno giovane di alcune proroghe. Il Decreto è rivolto a tutti quei settori che in Italia si troveranno a vivere una doppia difficoltà, quella del rischio contagio, al momento sempre altissimo, e quello economico, dal momento che le conseguenze del virus si faranno vedere, con ogni probabilità, fino a fine 2020. 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *