La Grecia verso la liberalizzazione del mercato dei giochi

Il governo greco prevede di votare un disegno di legge che, tra le altre cose, consentirebbe la costruzione di nuovi casinò nelle zone più turistiche del paese e la ricollocazione dei locali di gioco già esistenti.

Le disposizioni sull’espansione e ricollocazione dei casinò rientrano nel documento di revisione redatto dall’ente regolatore di gioco del paese. È importante sottolineare che la proposta di riforma del settore è stata portata avanti dal ministero delle finanze greco.

La revisione del disegno di legge sul gioco è stata introdotta all’inizio di quest’anno e, in sostanza, richiede una qualche forma di liberalizzazione del mercato del gioco d’azzardo greco e cambiamenti nel modo in cui è regolamentata la fornitura dei diversi tipi di servizi relazionati al gioco.

Le disposizioni riguardano sia il segmento fisico che online. Per quanto riguarda l’industria dei casinò, l’atto legislativo consentirebbe la loro costruzione nei luoghi turistici più popolari di tutto il paese, comprese le isole di Creta, Mykonos e Santorini.

Include la proposta di rilascio di tre nuove licenze di casinò per le tre sedi sopra menzionate. Inoltre, i sei casinò esistenti potrebbero trasferire le loro operazioni secondo le nuove disposizioni legislative attualmente al vaglio del governo greco.

In caso di approvazione del disegno di legge avverrebbe la ricollocazione del Regency Casino Mont Parnes, l’unico casinò ubicato ad Atene. Altri casinò verrebbero trasferiti nelle città di Salonicco, Rio, Loutraki, Florina e Alexandroupolis.

Secondo le conclusioni di un rapporto inserito nel progetto di riforma della legge, il trasferimento dei locali di gioco esistenti e la costruzione di nuove sedi apporteranno dei miglioramenti nella connessione tra l’industria del gioco e il turismo del paese.

I legislatori greci hanno inoltre manifestato interesse per la promozione dei cosiddetti modelli integrati di resort che includono strutture di casinò oltre a stabilimenti commerciali, ristoranti, e altri siti dedicati all’intrattenimento.

Il progetto di legge per la revisione del gioco dovrebbe essere votato dal governo greco prima delle vacanze di Natale. Se così fosse, le sue disposizioni entrerebbero in vigore dal 1 ° gennaio 2020. Come accennato in precedenza, l’atto legislativo fa riferimento sia al settore del gioco fisico che a quello online del paese dell’Europa sud-orientale.

Tra le altre cose vedrà anche la creazione di un sistema di licenze che permetterà agli operatori di gioco online internazionali a richiedere autorizzazioni per entrare a far parte del mercato locale.

La Hellenic Gaming Commission, un organismo di regolamentazione semi-autonomo, vedrebbe aumentare i suoi poteri convertendosi nell’ ente responsabile per il rilascio delle licenze sia per gli operatori di gioco d’azzardo online che per i proprietari di casinò fisici.

Il disegno di legge prevede anche l’introduzione di un’aliquota fiscale fissa per i casinò. Attualmente le sale da gioco della nazione sono soggette a imposte comprese tra il 22% e il 35%.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *